Maternità  surrogata per gay

Maternità  surrogata per omosessuali

LGBTQIA+

Maternità surrogata per coppie gay e transgender



Più del 55% dei nostri genitori sono coppie gay che, a un certo punto della loro vita, hanno ricevuto la chiamata alla genitorialità. La maternità surrogata per le coppie gay è il modo migliore per raggiungere la genitorialità, data l'impossibilità pratica di portare a termine con successo un processo di adozione internazionale. Negli ultimi due anni, il numero di casi di maternità surrogata in Spagna ha superato il numero di adozioni internazionali.



La maternità surrogata per i gay è una pratica che viene attuata in un numero sempre minore di Paesi. Purtroppo, con il passare degli anni, le porte si sono chiuse, come in NEPAL, THAILANDIA, CAMBOGIA, LAOS, VIETNAM.

Non intendiamo dire che in quei Paesi la maternità surrogata fosse consentita ai gay o alle coppie eterosessuali. Nei Paesi citati non esisteva una legge sulla maternità surrogata, e coloro che stavano facendo un processo qui stavano approfittando di un "vuoto giuridico", con la premessa che "ciò che la legge non proibisce, è permesso", ma in quei Paesi non c'era una legislazione. Ora c'è, e non permette la maternità surrogata ai gay.


Sebbene esistano molti Paesi in cui è possibile praticare la maternità surrogata, non tutti accettano che le coppie gay vi pratichino la maternità surrogata. Questo riduce notevolmente l'elenco rispetto alle coppie eterosessuali, che hanno a disposizione più di 10 destinazioni in cui è possibile praticare la maternità surrogata.




Maternità surrogata per omosessuali

Maternità surrogata per omosessuali



Sin dall'inizio, la filosofia di Gestlife è stata quella di offrire tutte le possibili destinazioni per la maternità surrogata per le coppie gay ai genitori intenzionali.

Ricerchiamo paesi per la maternità surrogata gay, li visitiamo, apriamo i nostri uffici con il nostro personale (non siamo intermediari) e assicuriamo la qualità dei servizi dei fornitori coinvolti.

In questo modo non siamo obbligati a proporre una sola destinazione, come fanno alcune "agenzie" che hanno una sola destinazione da difendere con le unghie e con i denti, scoraggiando il resto delle destinazioni, perché altrimenti non hanno "clienti". In realtà possiamo consigliare la destinazione più adatta alle esigenze di ogni genitore.

Naturalmente, vogliamo che affrontiate il processo di maternità surrogata con noi. È quello che facciamo. Ma una volta che avete deciso di lavorare con noi, le nostre priorità sono tre:

Impedire di commettere errori legali che potrebbero compromettere il processo di maternità surrogata

Per garantirvi il successo dal punto di vista medico: un bambino sano.

Riducete il più possibile le spese. Preferiamo che il vostro denaro rimanga per il vostro bambino, non per gli intermediari.

Non vi offriamo una destinazione, anche se non è ideale per il vostro processo di maternità surrogata, solo perché non ne abbiamo una migliore, a differenza di molte "agenzie" che hanno solo una destinazione da offrire. Gestlife ha 14 uffici in 10 Paesi.

È importante, quando si vuole intraprendere una maternità surrogata LGTBIQ+, capire che ci sono tre tipi di Paesi in cui la maternità surrogata può avere luogo (naturalmente, c'è un quarto gruppo, che sono i Paesi in cui la maternità surrogata è vietata, di cui non parleremo per non farvi perdere tempo, dato che non apportano alcun contributo):


In quali paesi è consentita la maternità surrogata per i gay?

Maternità surrogata per i gay



Questi Paesi hanno una legislazione specifica che sviluppa il diritto del genitore o dei genitori committenti (voi o voi) di effettuare una procedura di maternità surrogata.

Queste leggi trasferiscono i diritti sul bambino dalla gestante ai genitori committenti. Questi Paesi hanno leggi redatte dai loro parlamenti, o successivamente modificate da sentenze di alti tribunali, come la Corte Costituzionale, che consentono a determinate persone di effettuare processi di maternità surrogata.

Questi sono i Paesi in cui la maternità surrogata è possibile perché la legge la prevede:

  • STATI UNITI D'AMERICA
  • CANADA
  • ALBANIA

Ci sono poi i Paesi in cui, senza avere una legislazione specifica, i processi di maternità surrogata vengono normalmente portati avanti, poiché i loro tribunali li riconoscono:

  • MESSICO*
  • COLOMBIA**
  • ARGENTINA***

* Non esiste una legge, ma esiste un'ampia giurisprudenza che lo consente.
** Non esiste una legge, ma i processi di maternità surrogata vengono portati avanti.
*** Non esiste una legge sulla maternità surrogata, con un significativo vuoto giuridico.


Se desiderate maggiori informazioni sui nostri programmi, potete fissare un appuntamento telefonico gratuito e non vincolante CLICCANDO QUI.




MATERNITÀ SURROGATA NEGLI USA


Gestlife ha sede a Miami, in Florida (sede del gruppo Investmedical). Negli Stati Uniti, dal 2012 eseguiamo procedure per le coppie omosessuali.

Gli Stati Uniti sono stati il primo Paese ad approvare la maternità surrogata "commerciale" (con compenso per la gestante).

Gli Stati Uniti emettono una sentenza, che al momento non è riconosciuta dagli Stati dell'UE.

Poiché non c'è previdenza sociale e il genitore committente deve sostenere tutte le spese mediche che possono sorgere, il prezzo di un programma per un solo bambino varia da 165.000 a 180.000 euro.
I programmi di solito non sono illimitati (con un numero illimitato di trasferimenti di embrioni nel prezzo), quindi se la donna incinta non rimane incinta al primo tentativo, ci sarà un significativo superamento dei costi.

Chiedete al vostro consulente familiare informazioni sul vostro caso specifico e saremo lieti di fornirvi una consulenza gratuita.

Per maggiori informazioni, visitate la sezione PROGRAMMI IN USA


MATERNITÀ SURROGATA IN CANADA


Il CANADA è un paese con una legge altruistica, in cui la gestante non può ricevere alcun risarcimento.

Offrire qualsiasi compenso è punibile con 10 anni di reclusione e una multa di 500.000 CAD

La madre surrogata non può fare pubblicità, né i genitori committenti possono fare pubblicità per loro. Ci sono liste d'attesa fino a 5 anni per trovare una gestante che sia disposta a far nascere un bambino gratuitamente per degli sconosciuti.

La dgestante desidera avere un rapporto con i genitori, quindi una buona padronanza dell'inglese è essenziale, altrimenti verremo semplicemente scartati come candidati.

Alle agenzie (compresi medici e avvocati) è vietato agire come intermediari sotto pena di 3 anni di reclusione, quindi nessuna agenzia ha una propria infrastruttura nel Paese.

È un Paese ideale per la maternità surrogata se siete canadesi e avete una cugina, una sorella o un'amica disposta a svolgere il processo gratuitamente.

Chiedete al vostro consulente familiare informazioni sul vostro caso specifico e saremo lieti di fornirvi una consulenza gratuita. Gestlife ha uffici e personale proprio in questo Paese.

Per maggiori informazioni, visitate la sezione PROGRAMMI IN CANADA


MATERNITÀ SURROGATA IN ALBANIA

Maternità surrogata in Albania per i gay


La legge 8876 del 4.4.2002 sulla salute riproduttiva, all'articolo 43, riconosce la maternità surrogata come tecnica di riproduzione assistita consentita in Albania, anche se non ha ancora sviluppato una normativa specifica. L'Albania è diventata il surrogato naturale per la Russia, dopo il divieto di maternità surrogata per gli stranieri in quel Paese dal maggio 2022.

È un Paese che rispetta la condizione sessuale di ogni persona, essendo un Paese tollerante in cui convivono pacificamente 5 religioni. L'Albania è membro della NATO e ha presentato domanda di adesione all'UE nel 2014.

Grazie alla vicinanza ai Paesi dell'UE, all'assenza di obbligo di visto per gli spostamenti, all'eccellenza delle cliniche e alla modernità del Paese, è diventata una delle mete preferite dalle coppie gay.

Chiedete al vostro consulente familiare informazioni sul vostro caso specifico e saremo lieti di fornirvi una consulenza gratuita. Gestlife ha uffici e personale proprio in questo Paese.

Per maggiori informazioni, visitate la nostra sezione PROGRAMMI ALBANIA


MATERNITÀ SURROGATA IN MESSICO

Maternità surrogata per i gay in Messico


In Messico non esiste una legge esplicita sulla maternità surrogata. Alcuni Stati, come SINALOA, QUERÉTARO, COHAHUILA e SAN LUIS POTOSI, vietano esplicitamente la maternità surrogata. TABASCO e SINALOA. limitano il diritto di effettuare procedure di maternità surrogata ai soli cittadini messicani. Il resto degli Stati messicani non ha una legislazione in merito, né favorevole né contraria.

In Messico DF non esiste una legge sulla maternità surrogata di per sé, ma esiste una proposta di legge che mira a garantire i diritti di filiazione dei genitori previsti e un'ampia giurisprudenza che riconosce i diritti dei genitori previsti.

Per diversi anni e fino al 16 gennaio 2016, il Tabasco è stato lo Stato per eccellenza in cui si è svolta la maggior parte dei processi di maternità surrogata, dato che la sua legislazione la consentiva alle coppie messicane e non la vietava esplicitamente agli stranieri. Tuttavia, a causa di alcuni abusi commessi da alcune coppie, lo Stato di Tabasco ha finito per vietare la maternità surrogata per i cittadini stranieri il 16/1/2016, rispettando i processi in corso (per quei genitori che avevano già un contratto con una gestante, anche se non era incinta) poiché nessuna legge può entrare in vigore retroattivamente. Ma questo ha significato la chiusura del Messico per gli stranieri da quel momento in poi.

Per anni e fino a poco tempo fa, questo significava la fine della maternità surrogata in Messico.

Ma nel giugno del 2021, la CORTE SUPREMA DEL MESSICO, in risposta a un ricorso presentato da una clinica, ha stabilito che lo Stato di Tabasco ha oltrepassato i suoi poteri e ha lasciato agli Stati la possibilità di decidere se regolamentare le condizioni economiche per la pratica della maternità surrogata o lasciarla alla libertà delle parti private coinvolte. La Corte ritiene "infondata l'idea che vi sia un obbligo per le legislature locali di prevedere la gratuità dei contratti di maternità surrogata gestazionale". Pertanto, lo Stato può imporre la gratuità, stabilire condizioni di pagamento o lasciare la questione alla discrezione di un accordo privato. Lo Stato di Tabasco non ha ancora modificato la legge.

Per questo motivo, ancora una volta, molte cliniche in Messico offrono procedure di maternità surrogata, anche se nessuno Stato messicano ha una legislazione esplicita a favore della maternità surrogata.

Da allora diversi Stati hanno legiferato vietando la maternità surrogata ai cittadini stranieri: SINALOA, QUERÉTARO, COHAHUILA e SAN LUIS POTOSI.

SITUAZIONE GIURIDICA ATTUALE IN MESSICO

In Messico DF non esiste una legge sulla maternità surrogata di per sé, ma esiste una proposta di legge che mira a garantire i diritti di filiazione dei genitori previsti e un'ampia giurisprudenza che riconosce i diritti dei genitori previsti.

Attualmente, i tribunali riconoscono i diritti dei genitori committenti. Tuttavia, dobbiamo sapere che in Messico non esiste uno Stato che abbia esplicitamente una legge sulla maternità surrogata, per cui il Messico fa parte dell'elenco dei Paesi che non hanno una legislazione in materia. È la giurisprudenza dei tribunali a garantire il diritto dei genitori committenti.

I genitori che desiderano scegliere il Messico come destinazione devono essere consapevoli che, in assenza di una legislazione esplicita, c'è sempre il rischio di future modifiche legislative, favorevoli o contrarie, anche se qualsiasi modifica legislativa non potrà mai essere applicata retroattivamente.

Consultate il vostro consulente familiare per conoscere i programmi che Gestlife offre in Messico e le loro caratteristiche.

Per maggiori informazioni visitate la nostra sezione PROGRAMMI IN MESSICO

Se desiderate maggiori informazioni sui nostri programmi, potete fissare un appuntamento telefonico gratuito e non vincolante CLICCANDO QUI.


MATERNITÀ SURROGATA IN COLOMBIA


La Colombia è un Paese in cui la maternità surrogata è ormai praticata dalle cliniche. Non esiste una legge specifica sulla maternità surrogata, anche se i tribunali finiscono per revocare la custodia alla madre surrogata in quanto non ha alcun legame genetico con il bambino.

Uno dei principali vantaggi offerti da questo Paese sono i prezzi, molto più bassi rispetto agli Stati Uniti. Anche la possibilità di parlare la lingua per i cittadini di alcuni Paesi (più di 700 milioni di persone parlano spagnolo nel mondo) fa sì che molte coppie scelgano questa destinazione quando si tratta di portare a termine un processo di maternità surrogata.

Legge in Colombia

In Colombia non esiste una legge esplicita sulla maternità surrogata. Questo è un aspetto da tenere in considerazione se si sceglie questo Paese per diventare padre.

Il processo di maternità surrogata si svolge nella capitale Bogotá, anche se abbiamo programmi anche nella città di Cartagena de Indias.

Una volta nato il bambino, la maternità della gestante viene messa in discussione, dato che viene accreditato che il bambino ha un legame genetico con il padre committente, e al contrario non ha alcun legame con la gestante. Il tribunale dissocia definitivamente la gestante dal bambino con una sentenza giudiziaria.

Nella legislatura colombiana del 2022-2023 sono state depositate due proposte di legge che cercano di regolamentare la materia. Le proposte di legge erano la P.L. 334-2023C presentata dal rappresentante alla Camera Alejandro Ocampo Giraldo e la P.L. 345 del 2023C presentata dal Ministro della Giustizia e del Diritto, Néstor Iván Osuna Patiño.

Secondo la legge colombiana, le leggi che regolano la maternità surrogata devono essere elaborate come leggi statutarie, che hanno una procedura speciale all'interno del Congresso della Repubblica.

Uno di questi requisiti è che devono essere elaborati e approvati entro lo stesso anno legislativo, che nel nostro caso era dal 20 luglio 2022 al 16 dicembre 2022 e dal 16 marzo 2023 al 20 giugno 2023.

I progetti di legge che intendevano regolamentare la maternità surrogata in Colombia non hanno completato l'iter nel Congresso della Repubblica e sono stati quindi accantonati e licenziati in base alla legge colombiana, in quanto avrebbero dovuto essere approvati in un'unica legislatura, cosa che non è avvenuta.

Ad oggi, non è stato presentato nessun altro disegno di legge che cerchi di regolamentare la maternità surrogata in Colombia e, secondo le interviste con il Ministro della Giustizia e del Diritto, per il momento non sarà presentato a causa della complessa agenda legislativa.

Per questi motivi, si smentisce la notizia che i processi di maternità surrogata saranno chiusi in Colombia a partire dal settembre 2023 e si condividono anche i link dove è possibile verificare che le due proposte di legge sono state debitamente archiviate.

P.L. 334-2023C

P.L. 345-2023C

AVVERTENZA LEGALE:
Ovviamente non possiamo garantire che in futuro ci saranno nuovi progetti di legge a favore o contro la maternità surrogata, cosa che può accadere in tutti i Paesi. Tuttavia, nessuna nuova legge può essere applicata con effetto retroattivo, quindi, quando c'è un cambiamento normativo, si rispettano i processi in corso, come è successo negli altri Paesi in cui c'è stato un cambiamento legislativo contro la maternità surrogata: VIETNAM, LAOS, CAMBODIA, MESSICO, RUSSIA, NEPAL o THAILANDIA.

Tuttavia, se l'assenza di una legislazione è un problema per voi, potete effettuare il processo negli altri Paesi in cui Gestlife ha i suoi uffici e che hanno programmi per le coppie dello stesso sesso.

Registrazione in Colombia

Dopo la nascita, i genitori intenzionati devono registrare il bambino nel registro civile di BOGOTÁ COLOMBIA, per il quale è necessario fornire un certificato di nascita rilasciato dalla clinica.

Si iniziera’ la impugnazione della maternità da parte della gestante. In questo modo si ottiene il passaporto colombiano, il passaporto della nazionalità dei genitori o il salvacondotto (a seconda della nazionalità dei genitori). Consultate il vostro caso con il vostro consulente familiare di Gestlife.

Nel caso del padre biologico, la madre compare sul certificato di nascita. In seguito verrà rimosso quando il tribunale accetterà la contestazione (cosa che avviene sempre perché le gestanti non hanno alcun legame genetico con il bambino).

Per maggiori informazioni, visitate la sezione PROGRAMMI IN COLOMBIA.

Se desiderate maggiori informazioni sui nostri programmi, potete fissare un appuntamento telefonico gratuito e non vincolante CLICCANDO QUI.


MATERNITÀ SURROGATA IN ARGENTINA


L'Argentina è una destinazione che è apparsa di recente sulla mappa mondiale della maternità surrogata.

Sebbene non esista una legislazione esplicita sulla maternità surrogata, la legge consente la stipula di un contratto di maternità surrogata e dal 2017 esiste un regolamento che specifica che un bambino nato attraverso la maternità surrogata può essere registrato a nome del padre committente o previsto.

Questo Paese, immerso in una grave crisi economica (con un'inflazione che supera il 140% annuo), ha difficoltà a effettuare i pagamenti, o i rimborsi, a causa delle restrizioni ai movimenti di capitale imposte dal governo.

Per maggiori informazioni, visitate la sezione PROGRAMMI IN ARGENTINA


MATERNITÀ SURROGATA IN RUSSIA


Potreste aver sentito parlare (o conosciuto) di genitori che hanno fatto la maternità surrogata con Gestlife in Russia. Per 15 anni è stato così, ma nel maggio 2022 il Parlamento russo ha vietato la maternità surrogata per gli stranieri, per cui questo Paese è uscito dall'elenco dei Paesi in cui una coppia gay può ricorrere alla maternità surrogata.

Se desiderate maggiori informazioni sui nostri programmi, potete fissare un appuntamento telefonico gratuito e non vincolante CLICCANDO QUI.


ALCUNE PERICOLOSE "INVENZIONI" NELLA MATERNITÀ SURROGATA


Ceci n'est pas une pipe

Così come René Magritte ci ha insegnato che il disegno di una pipa non è una pipa, qualcosa come la maternità surrogata non è una maternità surrogata.


La maternità surrogata si verifica quando esiste una legge o una giurisprudenza che la consente e che assegna legalmente i diritti della gestante al genitore o ai genitori committenti. Il resto, anche se può sembrare tale, non è maternità surrogata.

E la sfumatura è di vitale importanza, perché nei Paesi in cui non esiste una legge sulla maternità surrogata, o in cui la giurisprudenza non la contempla, la gestante sarà oggi, domani e sempre la madre del bambino, con diritti sul bambino se lo desidera. E non siete venuti in Gestlife per avere problemi legali in futuro.

Ultimamente sono apparse alcune "agenzie" che offrono soprattutto ai collettivi LGTBI destinazioni che non offrono le garanzie minime, né legali né mediche. Paesi con poca o nessuna esperienza in materia di maternità surrogata, senza alcuna legge che la tuteli. Paesi in cui le gestanti ricevono compensi ridicoli (a volte contro le leggi vigenti), che non superano i 10.000 dollari USA, quando una gestante americana riceve 50.000 dollari USA, o gestante ucraina 24.000 dollari USA.


Queste sono alcune delle "INVENZIONI" in cui potreste imbattervi e che vi sconsigliamo vivamente. Come vi abbiamo detto, Gestlife ha uffici in tutti i Paesi in cui è possibile effettuare un processo legale. Se fosse possibile realizzare un processo di maternità surrogata con tutte le garanzie in una qualsiasi di queste destinazioni, avremmo già da tempo uffici in quei Paesi. E se non li abbiamo, è perché non ci sono garanzie mediche o legali.



Improvvisamente sono apparse agenzie che offrono destinazioni come:



Czech Republic

Repubblica Ceca

Belgium

Belgio

Dutch

Paesi Bassi

Austria

Austria

Colombia

Colombia

Chipre

Cipro

Poland

Polonia



Questo tipo di programma, come abbiamo detto, è stato realizzato perché la conclusione del programma avviene spesso in un Paese europeo, dove non esiste una legge specifica sulla maternità surrogata. Alcuni genitori ricorrono a questo programma se non possono ricorrere a un altro per motivi economici, o perché il processo si svolge alla fine in un Paese dell'area Schengen, che permette loro di tornare nel Paese d'origine con una certa facilità.

Tuttavia, presenta notevoli svantaggi:

  1. È più costosa di altre destinazioni come l'Albania.
  2. È necessario mentire all'anagrafe, facendo passare la gestante per un partner, cosa che sconsigliamo, poiché è un reato mentire a un pubblico ufficiale.
  3. La gestante non ha il diritto di rinunciare al proprio bambino perché la legge ceca non lo consente. Nessun notaio redigerà un atto notarile in tal senso, necessario in futuro se vogliamo che un coniuge adotti il bambino.
  4. Per i genitori provenienti da quei Paesi (come Italia) che non concedono la nazionalità e il passaporto al bambino fin dall'inizio, è necessario tornare in auto, il che significa un viaggio di oltre 2000 km o più nella maggior parte dei casi.

Se desiderate maggiori informazioni sui nostri programmi, potete fissare un appuntamento telefonico gratuito e non vincolante CLICCANDO QUI.

Vediamo quali sono i problemi che ciascuno di questi Paesi porta con sé:

Repubblica Ceca


La Repubblica Ceca è stata una delle destinazioni in cui un maggior numero di genitori è caduto nella tentazione di "rendere il processo apparentemente più facile", a costo di incorrere in gravi reati.

Nella maggior parte dei casi, i genitori si sono avvalsi dei servizi di una clinica della fertilità di Kharkov (Ucraina), dove la gestante è rimasta incinta ed è stata poi inviata nella Repubblica Ceca per avere il bambino, approfittando del fatto che questo Paese fa parte dell'UE ed è all'interno dell'area Schengen, dove non è necessario rilasciare un passaporto per il bambino per viaggiare nel Paese dei genitori committenti. Ciò si è rivelato utile per quei genitori il cui Paese d'origine (come è temporaneamente il caso in Italia) non rilascia un passaporto per il bambino. Questi genitori dovevano commettere due reati:

  1. Mentire all'anagrafe a un pubblico ufficiale spacciando la gestante per la sua fidanzata.
  2. Falsificare un documento pubblico davanti a un notaio, dichiarando che la gestante non aveva ricevuto alcun compenso, cosa non vera, il che costituisce il reato di falso in atto pubblico.
  3. cAlcuni genitori sono finiti in questa trappola perché le agenzie locali li hanno informati solo all'ultimo momento di doverlo fare, e a quel punto i genitori, con il loro bambino in braccio, non potevano più tirarsi indietro

Purtroppo, nella primavera del 2022, questa operazione è stata smantellata dalla polizia nella cosiddetta "OPERAZIONE SPANIEL". Quattro medici della clinica sono stati arrestati, e i genitori e le gestanti sono stati interrogati separatamente alla ricerca della conferma del pagamento alla gestante, e la registrazione del bambino è stata rifiutata.

Per ulteriori informazioni sull'OPERAZIONE SPANIEL è possibile leggere il seguente articolo (utilizzando il traduttore di Google). https://www.seznamzpravy.cz/clanek/domaci-kauzy-operace-spanel-v-praze-se-prodavaji-deti-vyrobene-na-zakazku-203870

Pertanto, la Repubblica Ceca non è una destinazione consigliata per la maternità surrogata.

Per maggiori informazioni visitate la nostra sezione REPUBBLICA CECA

Se desiderate maggiori informazioni sui nostri programmi, potete fissare un appuntamento telefonico gratuito e non vincolante CLICCANDO QUI.


CIPRO


Per maggiori informazioni visitate la nostra sezione CIPRO


Belgio


Il Belgio vieta la maternità surrogata commerciale e la legge stabilisce che qualsiasi accordo tra le parti, anche nella maternità surrogata altruistica, è nullo e impedisce la registrazione del bambino a nome dei genitori committenti. È un Paese con una legge contraddittoria, poiché esistono due o tre cliniche che offrono la maternità surrogata a genitori belgi (coppie etero), ma la legge non contempla questo atto. Non è quindi un Paese consigliato per la maternità surrogata.


Paesi Bass


I Paesi Bassi vietano la maternità surrogata commerciale, cioè la gestante non riceve alcun compenso, e il Lussemburgo non consente la maternità surrogata, rendendola penalmente equivalente al traffico di organi.


Austria


In Austria la maternità surrogata è vietata dalla legge. Non è quindi un Paese consigliato per la maternità surrogata.



Polonia


La maternità surrogata è vietata in Polonia.

Non è quindi un Paese consigliato per la maternità surrogata. Consultate il vostro consulente familiare di Gestlife che vi aiuterà a confrontare i programmi e vi illustrerà i vantaggi e gli svantaggi di ciascuno.

PAESI CHE NON HANNO UNA LEGISLAZIONE SPECIFICA SULLA MATERNITÀ SURROGATA PER GLI OMOSESSUALI.

Maternità surrogata per i gay



Partendo dal presupposto che ciò che non è vietato è permesso, alcune agenzie offrono destinazioni in cui non esiste una legislazione specifica sulla maternità surrogata. È sempre facile trovare una clinica disposta a svolgere il processo di maternità surrogata, ma spesso non offre le necessarie garanzie mediche e legali.


Dopo tutto, l'aspetto medico non è un segreto per una clinica della fertilità. Ma la maternità surrogata non riguarda solo la "creazione" di un bambino, ma anche la garanzia che il bambino sarà riconosciuto come nostro figlio e che non ci saranno problemi legali, né per lasciare il paese, né per avere poi il bambino nel nostro paese.


Ed è qui che iniziano i problemi nei Paesi che non hanno una legge specifica sulla maternità surrogata. Perché in assenza di una legge che annulli i diritti naturali della portatrice gestazionale ("la madre è colei che partorisce", secondo la maggior parte delle legislazioni del mondo), a favore dei genitori committenti, la portatrice gestazionale in questi casi mantiene tutti i diritti sul bambino.


In altre parole, è la madre a tutti gli effetti e mantiene intatti tutti i suoi diritti. E, se vuole, può impedire che il bambino venga riconosciuto come nostro figlio, può impedirgli di lasciare il Paese o può persino estorcerci ingenti somme di denaro. Lei è la madre e le autorità del suo Paese la riconoscono come tale. Non abbiamo nulla da fare davanti ai tribunali del suo Paese se dovesse succedere qualcosa. Per questo motivo, ovviamente, sconsigliamo vivamente di intraprendere un'azione legale in questi Paesi, poiché non ci sono garanzie legali per i genitori committenti e la più bella delle avventure può trasformarsi nel peggiore degli incubi. In questo elenco di Paesi sono apparsi di recente Paesi come il Guatemala, dove non esiste alcun tipo di legislazione e non ci sono garanzie di alcun tipo.


Se desiderate maggiori informazioni sui nostri programmi, potete fissare un appuntamento telefonico gratuito e non vincolante CLICCANDO QUI.


vientre de alquiler gay


PAESI CON LEGISLAZIONE SULLA MATERNITÀ SURROGATA ALTRUISTICA

Maternità surrogata per i gay


Esistono due tipi di legge sulla maternità surrogata:


Gestazione altruistica: in questo tipo di legislazione, viene stabilito un massimo per il compenso che la gestante può ricevere, dato che la legge mira a garantire che la gestante non si arricchisca.


In alcuni Paesi la cifra varia da zero nella precedente legge portoghese (ora annullata dalla Corte costituzionale portoghese) a 20.000 dollari canadesi in Canada. Il pagamento di una somma superiore alla gestante è un reato penale punibile con la reclusione.


Gestazione commerciale: anche se questo termine non ci piace, si riferisce alla legislazione che consente di pagare alla portatrice gestazionale un compenso concordato tra le parti, senza fissare limiti.


vientre de alquiler gay


Programmi ibridi o transfrontalieri

Maternità surrogata per omosessuali



A causa della scarsità di destinazioni per la maternità surrogata per le coppie omosessuali, spesso vengono creati programmi transfrontalieri per offrire un'alternativa, ma non offrono le stesse garanzie di un Paese in cui esiste una legislazione.

Di solito si tratta di programmi che iniziano in un Paese e terminano in un altro, per rispettare le leggi di entrambi i Paesi.

Non si tratta di programmi illegali, tuttavia, come abbiamo detto, non offrono le stesse garanzie legali di quelli sviluppati nei Paesi in cui esiste una legge specifica sulla maternità surrogata.

Questo tipo di programma si è diffuso molto negli Stati Uniti, dove il pagamento per la gestante è elevato (tra i 55.000 e i 65.000 dollari in media) e il processo di fecondazione in vitro per un singolo trasferimento di embrioni può costare tra i 22.000 e i 28.000 dollari.

Per ridurre il prezzo dei programmi e per essere più "competitivi" rispetto alla maggior parte delle agenzie americane, alcune agenzie hanno inventato programmi transfrontalieri con il Messico, in cui la surrogata, invece di essere americana, è messicana, e anche la fecondazione assistita viene eseguita in Messico, a prezzi molto più bassi che negli Stati Uniti

Quella che poteva sembrare una buona idea si è rivelata nella maggior parte dei casi un disastro negli ultimi anni. Né il coinvolgimento scorretto delle gestanti utilizzate, che provenivano dal Messico, né la qualità dei servizi medici di alcune delle cliniche messicane utilizzate a questo scopo, hanno aiutato i processi a concludersi bene e con il margine di costo previsto.

Oggi la maggior parte delle agenzie ha abbandonato questa formula, a causa dei suoi risultati disastrosi, ma potreste ancora trovare una piccola agenzia che ve la propone. Fate attenzione. Qui, più che altrove, il low cost è costoso.


Maternità surrogata per i gay

MATERNITÀ SURROGATA IN KENYA PER I GAY

La maternità surrogata è legale in Kenya per i gay?



Questo tipo di processo è riservato ai cittadini kenioti e non offre alcuna garanzia ai cittadini stranieri. Anche in questo caso, la gestante ha diritti sul bambino.


CONCLUSIONE

Le cose che hanno un valore, a un prezzo inferiore, non sono mai esistite. Ciò che costa poco finisce sempre per essere costoso, come ci hanno insegnato tante volte i nostri genitori e nonni. Nella maternità surrogata non c'è spazio per le invenzioni, perché tutto il peso della legge può presto ricadere sulle nostre spalle.

Se fosse possibile offrire programmi validi, con assoluta certezza giuridica, in uno di questi Paesi, Gestlife avrebbe già un ufficio in quel Paese, come facciamo in tutti i Paesi in cui ci sono garanzie legali e mediche.

Per tali ragioni, la totale assenza di legislazione, di giurisprudenza e di garanzie legali e mediche ci impedisce di raccomandare questo tipo di destinazione.

ALTRE "INVENZIONI PERICOLOSE

Maternità surrogata per omosessuali


FInfine, vorremmo mettervi in guardia dal "canto delle sirene" di alcune agenzie, che propongono destinazioni originali, come se fossero agenzie di viaggio, dove è possibile scegliere una destinazione à la carte.


Offrono processi che di solito iniziano in un paese (dove a volte la FIVET è legale, a volte no) ma che terminano in paesi in cui la legislazione è assente o limitata. Offrono consegne in paesi come:



Tutti questi Paesi non hanno una legislazione o hanno una legislazione restrittiva, il che può significare seri problemi quando si tratta di non infrangere la legge e di poter tornare in Spagna senza avere problemi con le autorità spagnole.


Ricordate sempre che le agenzie che vi consegnano un bambino non stanno commettendo un reato. Dopo tutto, si tratta di vostro figlio. Chi commette un reato siete voi quando andate a registrare il bambino all'anagrafe per poterlo portare fuori dal Paese.

Controlla i prezzi della maternità surrogata


Vientre de alquiler para homosexuales


In quali Paesi è possibile ricorrere alla maternità surrogata per le coppie gay?


Maternità surrogata per omosessuali

MATERNITÀ SURROGATA IN RUSSIA

MATERNITÀ SURROGATA IN CANADA

Maternità surrogata per i gay in Canada

MATERNITÀ SURROGATA NEGLI STATI UNITI

Maternità surrogata negli Stati Uniti per i gay

Se desiderate maggiori informazioni sui nostri programmi, potete fissare un appuntamento telefonico gratuito e non vincolante CLICCANDO QUI.


Volete ricevere più informazioni?

Vi aiutiamo senza impegno



Gestlife

La genitorialità ha cambiato le nostre vite. C'è stato un prima e un dopo. E il dopo, è stato molto meglio. Quindi abbiamo iniziato anni fa questo viaggio, per rendere reale l'irreale, e possibile l'impossibile. Oggi siamo più di 100 persone in 7 paesi.


Redes sociales


Gestlife
Gestlife
Gestlife